mercoledì 29 febbraio 2012

METROTRANVIA MILANO-LIMBIATE: UNA PRIMA IMPORTANTE VITTORIA

Oggi in commissione Trasporti, alla presenza di cittadini, sindaci e consigli di zona, ATM ha ribadito l’importanza e l’impegno di far proseguire il funzionamento della metrotranvia, e l’Assessore Maran anche l’impegno economico del Comune per far si che la metrotranvia funzioni fino all’estate. In questi mesi lavoreremo tutti assieme perché anche Ministero, Regione e Provincia contribuiscano, oltre che con la volontà politica anche con le risorse, al proseguimento di questa importante infrastruttura. La riunione di oggi è di straordinaria importanza perché consentirà ai 7.000 cittadini che dall’hinterland vengono ora a Milano in tram, di non essere costretti a utilizzare invece l’automobile, e questa mi pare la cosa più importante.

lunedì 20 febbraio 2012

SMOG: LE ISTITUZIONI ESCANO DA QUESTA IRRESPONSABILE INAZIONE E INDIFFERENZA

Tra sabato e domenica abbiamo avuto il picco di smog più alto da 6 anni e la pioggerella di oggi purtroppo non abbatterà certo l’inquinamento sotto le soglie di sicurezza. La città di Milano ha fatto finora la sua parte con coraggio e determinazione, ma intervenire in una zona piccola, pur essendo utilissimo, non dà risultati soddisfacenti sulla riduzione complessiva delle polveri che è un problema di Lombardia e di Pianura Padana. Certo il traffico è parte, anche se consistente, del problema; continuiamo i controlli sulle caldaie e la sostituzione di quelle inquinanti, come graziosamente ci ricorda oggi l’On.le De Corato, che ci gratifica dell’appellativo di apprendisti stregoni: vorremmo infatti che l’ex Vice Sindaco si unisse a noi nell’appello che facciamo alle Istituzioni, anche quelle del suo colore politico, a intervenire. Infatti cosa aspetta la Regione Lombardia, che è la responsabile della lotta all’inquinamento a intervenire e a indirizzare gli interventi uscendo da questa inazione e indifferenza ormai insopportabile? Servono provvedimenti, che per essere efficaci devono essere estesi, condivisi e coordinati. Si può pensare anche all’introduzione, ad esempio, delle targhe alterne, ma deve essere un intervento che coinvolge tutte le aree critiche della nostra Regione, in quanto se praticate solo a Milano si rivelerebbero poco efficaci. Soprattutto la Regione imponga i controlli sulle auto inquinanti sottoposte a divieto di circolazione, controlli fatti quasi solo nella città di Milano: circolano in Lombardia, indisturbati, 150 mila camion fuorilegge che producono più emissioni di 10 milioni di auto a benzina.

lunedì 6 febbraio 2012

ASSOLOMBARDA E AREA C

Caro Asperti Area C non è una tassa di scopo ma un provvedimento per far si che chi può non utilizzarla, lasci l’auto a casa. Ci aspettavamo da Assolombarda proposte innovative e originali per intervenire sul problema del traffico e sulla qualità della vita dei cittadini milanesi. Cerchiamo collaborazione e condivisione e ci troviamo qualche battuta e idee un po’ consunte. Non vogliamo immobilizzare Milano, al contrario rendere i mezzi pubblici più celeri e puntuali, e il traffico privato più fluido e scorrevole. Siamo dell’idea che tutto ciò migliorerà non solo la qualità della vita dei cittadini ma anche la qualità e la quantità del lavoro e dei lavori. Rimbocchiamoci le maniche tutti per tutti.

giovedì 2 febbraio 2012

Noi, i terroristi di Area C lavoriamo per miglirare la qualità della vita di tutti i cittadini. I commercianti fanno il girotondo.

Rispettiamo fino in fondo i problemi dei commercianti, lavoreremo insieme per risolverli, e troviamo anche carina la forma di lotta del “girotondo intorno a Palazzo Marino”… Del resto i girotondi li abbiamo inventati noi. Ma troviamo che sia da irresponsabili, definire Area C un “provvedimento terroristico”, perché sposta la discussione di merito sul piano per noi inaccettabile della rissa, e perché poi magari, qualche pazzo si esalta e manda bossoli di proiettili a qualcuno. All’Assessore Stancari, ultima dei giapponesi istituzionali a chiedere la sospensione dell’Area C, domandiamo sommessamente cosa diavolo c’entra la neve con le auto che entrano in centro, anzi proprio per la neve sarebbe meglio utilizzare i mezzi pubblici che a Milano funzionano; e se non apparissimo indiscreti, chiederemmo all’Assessore Stancari perché anche la Provincia non mette in atto un qualche provvedimento serio per ridurre lo smog. Noi dell’Area C ci proviamo, anche con l’Area C, il nostro obiettivo è migliorare la qualità della vita di tutti i cittadini.